California centrale: Pinnacles National Park a prova di bambini

Pinnacles National Park è il più “giovane” fra i parchi nazionali della California, e il meno battuto dalle classiche rotte turistiche.
Sebbene sia stato proclamato Parco Nazionale solamente nel 2013, questo parco ha una storia geologica molto più antica.
La sua origine risale a circa 23 milioni di anni fa, a seguito di una serie di eruzioni vulcaniche.
Il risultato di queste eruzioni ha dato vita ad un paesaggio caratterizzato da boschi di querce, caverne scavate nella pietra, e formazioni rocciose dette pinnacoli.
La fauna del parco conta ben 12 specie di pipistrelli, falchi di prateria, e condor della California.

Il Pinnacles National Park è situato nella California Centrale, poco meno di due ore e mezza a sud est di San Francisco.

La sua posizione lo rende un’ottima tappa intermedia in un viaggio on the road tra il nord e il sud della California.


Informazioni utili per organizzare una gita a Pinnacles National Park:

  • L’ingresso al parco costa 30 $ per vettura, ed è valido per 7 giorni.
  • Collegamenti: Non ci sono strade interne che uniscono gli ingressi est ed ovest del parco, ma solo sentieri percorribili a piedi.
  • Le stagioni migliori per visitare il parco sono l’autunno e la primavera. In estate il clima raggiunge temperature eccessivamente elevate che rendono difficile la visita.
  • Dove dormire: Non ci sono alberghi all’interno del parco, ma un campeggio attrezzato con bagni, docce, e addirittura una piscina, situato di fronte al Visitor Center dell’area est.
  • Durante il weekend e i giorni di festa i parcheggi si riempiono velocemente, è consigliabile arrivare prima delle 10.00 di mattina.
  • Cibo: Non ci sono ristoranti all’interno del parco. Al Visitor Center dell’ingresso orientale si possono acquistare snack confezionati. È consigliabile partire attrezzati con panini e snack per tutta la famiglia.
  • Acqua. Lungo i sentieri non c’è acqua potabile. Prima di cominciare l’escursione accertatevi di avere acqua a sufficienza per tutta la famiglia.
  • Le principali attrazioni del parco sono due grotte: la Bear Gulch Cave e la Balconies Cave. Poiché in alcuni periodi dell’anno l’accesso alle grotte è vietato, è consigliabile informarsi qui prima della visita.
  • Dress for success: All’interno delle grotte le temperature possono scendere sensibilmente. Per godere al meglio della visita è consigliabile vestirsi a strati, e indossare scarpe comode e chiuse. Non dimenticate il cappello e la crema solare per proteggervi dal sole.
  • La maggior parte dei sentieri non sono percorribili con il passeggino. È necessario il marsupio o lo zaino porta bimbo.
  • Se avete intenzione di visitare le caverne attrezzatevi con una torcia per ogni escursionista. Le torce degli smartphone non sono abbastanza forti da illuminare il cammino.
  • In alcuni punti delle caverne si cammina nell’acqua. È consigliabile organizzarsi con scarpe e calzini di ricambio almeno per i bambini.

Come in ogni parco, vale la pena cominciare l’esplorazione dal Visitor Center. Qui ci si può fare un’idea delle caratteristiche del paesaggio e dei sentieri, e con l’aiuto dei rangers si possono scegliere le escursioni più adatte alle proprie esigenze.

Noi abbiamo deciso di affrontare il Bear Gulch Cave Trail, un sentiero di moderata difficoltà, lungo circa 3.5 kilometri, raggiungibile in macchina.
Durante il weekend, quando il parcheggio del Bear Gulch Cave Trail è al completo, l’escursione è raggiungibile con uno shuttle che parte dal Visior Center ogni 15 minuti.

Arrivati al Bear Gulch Day Use Area si trovano i bagni, un’ampia zona picnic, e un piccolo Nature Center, dove si può assistere alla proiezione di un film sulle caratteristiche naturali e geologiche di questa zona.
Qui ai bambini viene consegnato un Junior Ranger Book, un libro di attività, giochi e informazioni sulla natura del parco. Una volta completate almeno 6 pagine del libretto i bambini ricevono il loro distintivo da Junior Rangers del Pinnacle National Park. Questa attività contribuisce a coinvolgere e intrattenere i bambini durante l’escursione, ed è adatta ai piccoli dai 3 ai 12 anni.

Superato il Nature Center, si parte per il Bear Gulch Cave Trail.
La prima parte del sentiero attraversa un bosco, dove scorre un piccolo ruscello.

Proseguendo lungo il cammino si assiste ad un cambiamento nel panorama, e gli alberi lasciano gradualmente il posto a imponenti rocce.

La vista si apre, e si cominciano a scorgere le rocce vulcaniche e i pinnacoli che caratterizzano il parco.

Alcune di queste pareti rocciose hanno caratteristiche ottimali per il rock climbing, e attirano appassionati da tutto il mondo.

Continuando lungo il sentiero si incontra un tunnel nella roccia, superato il quale, si raggiunge un bivio. Proseguendo sulla sinistra si arriva all’entrata della grotta di Bear Gulch, mentre sulla destra si continua all’esterno. Al termine della grotta i due percorsi si ricongiungono, quindi si può decidere di percorrerne uno all’andata e l’altro al ritorno.
Con somma gioia della claustrofobica che è in me, la grotta era chiusa nel periodo della nostra visita, per via della stagione della riproduzione dei pipistrelli.

Sebbene attraversare la grotta alla luce delle torce sia una delle attrazioni principali del Pinnacles National Park, il resto dell’escursione non ci ha deluso, e ci ha offerto una buona dose di avventura e splendidi panorami.

A questo punto comincia, infatti, una zona che ricorda molto una caverna, con le pareti rocciose che si stringono sempre di più, fino a costringere gli escursionisti ad accovacciarsi per proseguire.

I bambini si sono entusiasmati per questa parte del percorso, e quello che li ha impressionati di più è stato passare sotto un enorme masso sospeso in aria, incastrato tra le due pareti rocciose che lo sostengono.

Superato questo masso ci si trova davanti ad una scalinata al termine della quale si raggiunge il lago artificiale del Bear Gulch Reservoir, lo stop ideale per una pausa snack o picnic.

Al ritorno, si può scegliere se percorrere a ritroso il tragitto dell’andata, oppure prendere il Rim Trail, che si ricongiunge con il Bear Gulch Trail e riporta al Nature Center e alla fermata dello Shuttle.

Questa parte della passeggiata è meno entusiasmante, ma in alcuni punti offre splendidi panorami.

Se avete più di una giornata da dedicare al Pinnacles National Park potete visitare la grotta Balconies Cave, situata nell’area ovest del parco. Se viaggiate con bambini grandi, che possono affrontare escursioni più impegnative, non perdete i panorami spettacolari che si godono dall’High Pick Trail.

One thought on “California centrale: Pinnacles National Park a prova di bambini

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s